Una ricetta semplice, per giorni con poca luce

Mi è venuta voglia di condividere una ricetta, una di quelle semplici per chi come me si ritiene principiante in tutto. Sfogliavo blog di cucina, libri e video, con quella voglia di apprendere tecniche nuove e quel bisogno di mangiare che sento da quando mi sveglio a quando vado a dormire. Mangiare è qualcosa di... Continue Reading →

Annunci

Il mantello dell’invisibilità

Deve esserci qualche strana legge del destino che si ripete, sempre uguale, ogni volta che decido di prendere in mano un libro in particolare. Lo schema è sempre lo stesso: faccio mente locale, mi alzo, mi avvicino alla mensola esatta e lì, proprio lì, a pochi centimetri dal traguardo della mia ricerca spuntano i colori... Continue Reading →

Fotografia dell’invisibile

Ho visto una foto e mi sono ricordata di quel gioco che si sente citare nei film. I protagonisti quasi sempre al bancone del bar, in attesa, all'aeroporto, sorseggiano drink e noia, sgranocchiano tempo e secondi che passano. La lentezza traspare tutta, in quegli attimi di lancette ferme e chiacchiericcio di sottofondo. Poi, l'idea. "Inventiamo... Continue Reading →

L’interruttore delle cose

Mi capitano dei periodi in cui si attiva l'interruttore delle cose. Si attiva e in qualche modo spegne tutto. Non è una questione di luci e oscurità, non è così facile riconoscerlo quando è in funzione. L'interruttore delle cose funziona solo a livello di percezione interiore, quel tipo di percezione che certo, non lascia poi così... Continue Reading →

Dizionario delle idee – Riconoscere

[ri·co·nó·sce·re] v.tr. 1. Identificare, individuare 2. Distinguere, discernere 3. Ammettere, dichiarare, capire, comprendere 4. Attribuire 5. Accettare Riconoscere lo immagino come capire, accogliendo un’illuminazione, di nuovo e allo stesso tempo per la prima volta. Si riconosce qualcosa, qualcuno, addirittura se stessi.  Riconoscere implica, in generale, numerosi significati. A me ne suscita un’infinità: è una di... Continue Reading →

Dizionario delle idee – Caos

[cà-os] s.m. inv. - Disordine, confusione, trambusto Oggetti sparsi, una montagna di vestisi che continua ad espandersi su di una sedia, autori di generi più disparati seduti l'uno accanto all'altro sullo stesso ripiano della libreria. Anna Karenina si racconta agli abitanti della Terra di Mezzo e Platone, incuriosito, li ascolta.  È una parentesi di caos,... Continue Reading →

Se mi chiedessero il perché

Se mi chiedessero il perché, avrei molte cose da dire.  Perché scrivere e non fare, ad esempio, altro? Scrivo perché è ciò che mi viene naturale. E non è una cosa così ovvia. A me piace stare seduta e trasformare qualcosa di inafferrabile come le parole, in realtà. Certo, basterebbe farlo tramite la voce, ma... Continue Reading →

Le parole che non servono

Non sono una persona speciale, mi sento spesso molti gradini al di sotto degli altri. Lo nascondo sorridendo tanto. Certo, molte volte mi capita di lamentarmi, con pochi, ma sorrido tanto. Certe volte ho solo una gran voglia di sedermi, di non uscire di casa, di non rispondere alle domande. Di domande ne ho sempre... Continue Reading →

Dizionario delle idee – Coincidenza

[co-in-ci-dèn-za] s.f. - Combinazione di fatti, di circostanze, spesso casuali SIN caso Di tutti gli sguardi incrociati fino a quel momento, sceglierne uno e uno soltanto a cui sorridere. Arrendersi al ritardo e camminare con calma per strada, imbattendosi in qualcuno che non si vedeva da tempo o scontrandosi all'improvviso con occhi nuovi. Lasciarsi cogliere... Continue Reading →

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: